Il Nome della Rosa

Client: Palomar
Category: Digital campaign, Backstage

Il giallo più famoso del mondo in chiave digital.

Il Nome della Rosa

Client: Palomar
Category: Digital campaign, Backstage

Il giallo più famoso del mondo in chiave digital.

Risolvi sui social
il mistero più famoso
del mondo.

Il contesto

Il giallo per antonomasia sbarca in TV interpretato da John Turturro, Rupert Everett, Damian Hardung, Fabrizio Bentivoglio, Richard Sammel, Stefano Fresi, Roberto Herlitzka, James Cosmo e Michael Emerson. L’attesa è alle stelle.

Challenge

Far arrivare sullo smartphone di tutti, grandi e piccini, la campagna di lancio della serie, trasmettendo il giallo in chiave moderna e la grandezza della produzione dietro al piccolo schermo.

Strategia

Utilizzare i social come un vero e proprio second screen per permettere agli utenti di fruire di contenuti speciali e approfondimenti per andare oltre lo schermo e scoprire tutto  il meglio della serie.

Dentro
la storia

Social media

Il racconto della serie a partire da teaser evocativi che permettono di entrare nel mood della serie. Successivamente, uno storytelling che racconta i personaggi, gli intrighi, e che accompagna l’utente alla scoperta dei tasselli che svelano il mistero. Contenuti altamente ingaggianti che spingono all’interazione.

Entra sui social e prova a uscire
dal labirinto.

Instagram

La carta, il sangue, il mistero, il fuoco, e naturalmente i personaggi, sono gli elementi principali della serie, che prendono il loro spazio nei mosaici dedicati su Instagram, attraverso un racconto visivo altamente evocativo.

Il profilo

Uno schema visivo fatto di immagini e video evocativi che riassumono i key driver della serie per aiutare l’utente a capire una trama tanto complessa e a poterne fruire in maniera più chiara e semplice. Ma soprattutto più divertente.

Il labirinto

Abbiamo trasformato Instagram in un labirinto: un tag nel profilo principale del Nome della Rosa conduce a una serie di sottoprofili da cui si può uscire solo arrivando al Finis Africae, l’inaccessibile biblioteca della torre. Provare per credere, il resto è spoiler.

Occhi sul second screen

Backstage

40 giornate di riprese di backstage per produrre il B-roll, 3 featurette e 18 interviste tra cast e crew. E inoltre: timelapse, immagini a 360° delle diverse location e tutti quei materiali utili per la promozione in tv, la stampa e la comunicazione sui social. Un’operazione che parla al mercato globale.

Related Projects.

Accetto

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per
raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Clicca qui per maggiori informazioni.